Visualizzazioni totali

giovedì 18 gennaio 2018

Gli Sport Più Estremi e Pericolosi: Free Solo, Slackline, Wingsuit

FREE SOLO
Si tratta di un'arrampicata libera senza nè corde è protezioni.
Il massimo esponente odierno è Alex Hannold.
Zone ambite dai climber sono lo Yosemite Park (500 m), Capitan sempre nello Yosemite Park (900 m), Cerro Torre (Patagonia), El Sendero Luminoso (500 m).


SLACKLINE
Funamboli che camminano su corde o cavi d'acciaio, senza nessuna protezione.
Alcuni per mantenere meglio l'equilibrio utilizzano un'asta.
Tra i primi si ricordi il francese Philippe Petit, arrestato nel 1974 dopo aver fatto per 8 volte avanti ed indietro tra le due torri gemelle (Twin Towers) a New York.
Il cavo di acciaio era spesso 3 cm e sospeso a più di 400 m dal suolo.
Nel 2015 Spencer Seabrooke percorse 64 m a 290 m di altezza sulla Stawamus Chiefs.
Nel 2011 Michael Kemeter percorse 30 m su una fune a 915 m di altezza nello Yosemite Park.
Nik Wallenda passeggiò su una corda nel 2013 attraversando il Grand Canyon con la sua asta: 426,7 m in 23 minuti (a 450 m di altezza).
Lo stesso nel 2014 "passeggiò" su Chicago...bendato.
La fune era posta ad un'altezza di 200 m con un'inclinazione di 19°.
L'impresa venne anche trasmessa in TV.


WINGSUIT (SKYDRIVER, BASE JUMPER)
Base jumper che con la tuta alare (resa famosa da Patrick De Gayardon, morto nel 1998) si buttano di sotto rischiando di schiantarsi contro pareti e pendii a 200 km/h.
Quello che ad esempio successe a Valery Rozov, russo, 52 anni, morto in Nepal durante il salto dall’Ama Dablan.
Fatale per lui la vetta di oltre 6mila metri sull’Himalaya.
Nel 2013 divenne celebre per un volo dall’Everest: si lanciò dalla parete nord dell’Everest da un’altezza di oltre 7mila metri e poi dal Cerro Torre in Patagonia.
Voleva stabilire un nuovo primato negli sport estremi, lanciandosi con la sua tuta alare dalle sette cime più alte di ogni continente (Seven Summits).
Si ricordi anche la morte di Dario Zanon nel 2016 sul Monte Bianco, sempre nel 2016, in Svizzera, a soli 23 anni è morto l'americano Johnny Strange, star americana dell'adrenalina, chiamato Daredevil per le sue imprese estreme.
A maggio del 2015 in California morì Dean Potter, chiamato l'Acrobata del rischio, schiantato al suolo dopo un lancio.
Nel 2017 invece venne trovato morto Graham Dickinson (rimasti nella storia gli inseguimenti tra lui e Dario Zanon a Chamonix).


LANCIO SENZA PARACADUTE
Protagonista di questa folle impresa l'americano Luke Aikins, gettatosi da 7620 m senza paracadute e con una rete di 30 m per 30, installata in un ranch in California, ad attenderlo di sotto.
La difficoltà di quest'impresa è appunto centrare la rete, Aikins si è fatto aiutare da un GPS che gli segnalava quando era fuori bersaglio o in traiettoria.

sabato 13 gennaio 2018

La Squadra Che Mise Sotto Contratto Corridori Dopati: La Rock Racing (2007-2010)

Quella del team ciclistico americano Rock Racing fu una storia del tutto particolare.
Questa squadra per 2 anni infatti, raccolse all'interno delle sue file, molti corridori che avevano avuto problemi di Doping.
Siamo intorno al 2009 quando stavano scoppiando scandali Doping uno dietro l'altro, inerenti l'epoca ed anche gli anni 90.
Senza generalizzare, molto spesso sono proprio le squadre ad invogliare al Doping i corridori ma quando un atleta viene trovato positivo viene abbandonato.
Del resto avere in squadra un corridore squalificato per Doping non è mai motivo di vanto, inoltre le squadre ciclistiche sono sponsorizzate da marchi noti e il rischio di perdere la sponsorizzazione (e fallire miseramente) è molto elevato (basta vedere cosa successe a fine anni 90 per la Festina, sponsorizzata dal noto marchio di orologi. La Festina venne estromessa dal Tour De France del 98 per Doping di squadra),
Evidentemente la Rock Racing non si fece nessuno di questi problemi.
Nata nel 2007, ricevette l'attenzione dei media, proprio per aver raccolto tra le sue file corridori emarginati dalle altre squadre e che nessuno voleva.
Anche il design del kit della squadra e lo slogan "here to stay" erano una chiara provocazione.
Il team inizialmente era diretto da Frankie Andreu (ex corridore dei tempi d'oro di Lance Armstrong e dell'US Postal), poi estromesso dal team.
Poi l'anno successivo venne ingaggiata gente come Tyler Hamilton (di ritorno dalla squalifica del 2004), Santiago Botero, Oscar Sevilla, Mario Cipollini (poco dopo licenziato a causa di dissidi con la squadra).
Provarono a mettere sotto contratto anche Floyd Landis (vincitore del Tour de France 2006 e poi squalificato. Ex gregario di Lance Armstrong e corridore dell'US Postal con Tyler Hamilton).
Tutta gente che aveva avuto problemi di Doping (o che ne avrà in futuro).
Ma i problemi per la squadra iniziarono subito, infatti alcuni corridori vennero estromessi dal Tour Amgen del 2008 (California).
I corridori non accettati furono Santiago Botero, Tyler Hamilton e Oscar Sevilla che non furono autorizzati a partire.
Anche al Giro della Georgia ci furono problemi legali.
Nel 2009 divenne DS Rudy Pevenage (discusso DS della Telekom) che provò a portare in squadra (come uomo immagine) anche Jan Ullrich.
Vennero ingaggiati Francisco Mancebo, Jose Enrique Gutierrez, Glen Chadwick, Chris Baldwin, David Vitoria, Caleb Manion e Ivan Dominguez.
Nel mentre Tyler Hamilton viene trovato nuovamente positivo ad uno steroide e squalificato per 8 anni, terminando prima del tempo la sua carriera.
Nel 2010 al team viene ritirata la licenza dai pro, tornando a livello amatoriale (prima del fallimento per problemi finanziari).

domenica 7 gennaio 2018

La Storia Degli Harlem Globetrotters e i Washington Generals

Siamo nel 1927 quando la squadra di pallacanestro dei Giles Post, composta solo da giocatori di colore, partecipa alla Negro American Legion League, lega semi-professionistica creata in funzione anti-razzista, per permettere ai giocatori di colore di poter giocare a Basket.
Le porte, ai tempi, erano precluse per i giocatori di colore (che si parlasse di Basket o Baseball non c'era differenza).
Nel 1927 i Giles Post vengono acquistati dall’imprenditore inglese Abe Saperstein che li iscrive a una lega professionistica, iniziando a mettere le basi per quello che diventerà la forma di spettacolo ed intrattenimento più nota nel mondo della pallacanestro.
Più precisamente a Saperstein venne l’idea di far giocare i “suoi” giocatori di colore, durante l’intervallo degli spettacoli di danza al teatro Savoy Hall di Chicago, contro 5 persone della platea, mettendo in palio 100 dollari per i vincitori con lo scopo di ovviare alla noia consueta che si creava tra un tempo e l’altro.
Dunque è nella Chicago del grande criminale Al Capone che comincia l'avventura di questo team di funamboli.
Ai tempi la gente ricca era solita riunirsi nelle sale da ballo, ascoltare musica e bere alcolici sottobanco, passati sicuramente per le mani di Al Capone, indiscusso signore della città in tempo di proibizionismo.
Inizialmente nascono i Savoy Big Five, che dal 1929 diventeranno Harlem Globetrotters (tradotto "i giramondo di Harlem").
Il nome fa riferimento al quartiere afro-americano di Manatthan a New York, dove i giocatori da playground (“Basket da strada”) la fanno da padrone, ed al carattere d’esportazione dello spettacolo offerto.
Prima di mantenere in maniera definitiva il nome attuale, la squadra si chiamò Chicago Globetrotters (1927) e New York Harlem Globetrotters (1928-29).
Durante gli anni ‘30 gli Harlem si iscrissero a delle leghe professionistiche e vennero invitati nel 1939 a partecipare al World Professional Basketball Tournament.
Il torneo era stato creato dal giornalista del Chicago Tribune Archie Ward e aveva l’obiettivo di decretare la squadra più forte del mondo (venne disputato fino al 1948).
Nella prima edizione gli Harlem arrivarono in semifinale, battuti dai New York Rens poi campioni, ma si rifecero l’anno successivo sconfiggendo in finale i Minneapolis Lakers.
Le loro domande di iscrizione alla National Basketball League (1937) e alla Basketball Association Of America (1947) vennero respinte perché la squadra era composta da giocatori di colore, per questo motivo, terminata la Seconda Guerra Mondiale, gli Harlem puntarono tutto sull’aspetto dell’intrattenimento e del rapporto con il pubblico, abbandonando pian piano la competitività delle partite.
Uno dei più grandi campioni dell’NBA del passato, Wilt Chamberlain (2 volte campione NBA e primatista attuale per rimbalzi conquistati), è stato membro dei Globetrotters.


I WASHINGTON GENERALS
Per una squadra che vince, ce n’è una che perde, sempre.
Per questo motivo vennero fondati i Washington Generals, originari di Atlantic City.
Per tutti i Generals sono gli avversari degli Harlem Globetrotters.
Dal 1952 al 1995, benché abbiano cambiato nome diverse volte (Boston Shamrocks, New Jersey Reds, Baltimore Rockets e Atlantic City Seagulls), sono sempre loro a seguire nei tour gli Harlem e sono sempre loro ad uscirne sconfitti.
Quasi sempre.
In oltre quarant’anni infatti si possono contare solo 6 vittorie.
L’ultima nel 1971 a Martin, Tennessee, che interrompe una striscia di 2499 sconfitte consecutive.
A 3 minuti dalla fine dello spettacolo, i Generals stanno vincendo di 12 punti.
Gli Harlem allora smettono di divertirsi e cominciano a giocare sul serio, fino all’ultimo secondo, quando Meadowlark Lemon (forse assieme a Chamberlain, il più famoso Globetrotter) sbaglia il tiro della vittoria, consegnando un incredibile successo ai rivali.
Finisce 100-99.
Il pubblico, impazzisce di rabbia, non potendo credere che i loro beniamini fossero stati sconfitti.

"I tifosi ci guardavano come se avessimo ucciso Babbo Natale" 

Nel 2015 arriva la decisione: niente più partite di esibizione, il duo si divide, con gli Harlem in cerca di una nuova rivalità.
E i Generals, che hanno messo assieme 16 mila batoste in più di 60 anni contro i prestigiatori della palla a spicchi in tutti gli angoli della Terra, annunciano lo scioglimento.
Perché il profumo del business pesa più di una leggenda costruita negli anni.

lunedì 1 gennaio 2018

Sean O'Driscoll e Il Passing Football Ai Doncaster Rovers

"La nostra ambizione è vincere la prossima partita"

Sean O'Driscoll, ex giocatore di Fulham e Bournemouth, divenne allenatore nel 2000 proprio delle Cherries.
Proprio a Dean Court, nonostante le limitate risorse finanziarie, si mise in luce ottenendo ottimi risultati, compresa la promozione in League One nella stagione 2002/03 battendo 5-2 il Lincoln a Cardiff.
Il Bournemouth divenne una squadra da media-alta classifica in League One.
Lasciò il Bournemouth nel 2006 diventando manager del Doncaster Rovers, appena trasferitosi nel nuovo Keepmoat Stadium.


IL DONCASTER ROVERS E LA PROMOZIONE IN CHAMPIONSHIP
Ed è qui che O'Driscoll si mise in luce per il suo "passing football" e calcio spettacolare fatto d'intricate ragnatele di passaggi.
Si ricordi ad esempio il 4-0 in trasferta a Brentford, vincendo il premio di manager del mese nel gennaio 2007 o la vittoria per 3-2 contro il Bristol Rovers nel Football League Trophy del 2007.
Nella prima stagione completa di O'Driscoll, il 2007/08, guidò il Doncaster alla promozione dopo una vittoria per 1-0 sul Leeds United (goal di James Hayter) nella finale spareggio di League One al Wembley Stadium.
Fu una stagione assolutamente sensazionale, malgrado la promozione diretta sfumata all'ultima giornata dopo una sconfitta con il Cheltenham Town.
L'allora presidente del Doncaster, John Ryan, rese omaggio a Sean, per aver guidato il club nella seconda divisione inglese per la prima volta in 50 anni.
Ryan ritenne che il Doncaster meritasse la promozione, non solo per il risultato, ma anche per il calcio offerto durante tutta la stagione.
John Ryan: "Io lo chiamo l'Arsene Wenger della League One, ora forse sarà conosciuto come Sean O'Driscoll. Quando si tratta di allenare, è bravo come pochi altri: se si fosse spinto di più sotto i riflettori avrebbe potuto essere in Premier League.
Ho preso di mira Sean dopo aver visto il suo Bournemouth distruggere il Doncaster 5-0 e ciò non è successo molto spesso. Ho sempre amato il suo modo di giocare e di fare mercato"

Ryan ammise che nonostante il Doncaster fosse arrivato terzo in campionato, la stagione in Championship sarebbe stata molto "dura".
Anche perchè il club non sarebbe stato in grado di spendere grandi quantità di denaro sul mercato.

"Dobbiamo stabilizzarci in Championship il prossimo anno ma anche se le cose non dovessero andare bene, Sean avrà il pieno appoggio dal consiglio di amministrazione del Doncaster: tutti i manager meritano tempo e soprattutto quelli di talento come Sean"
La stagione successiva, 2008/09, Sean raggiunse l'obbiettivo della facile salvezza nonostante i pochi mezzi finanziari a disposizione.
Malgrado una vittoria in casa del Derby County, l'inizio non fu facilissimo ma poi arrivarono vittorie rimaste nella storia come la prima di tutti i tempi contro lo Sheffield Wednesday.
O la vittoria per 4-2 sul Nottingham Forest che inaugurò una serie di 8 risultati utili consecutivi.
Finirono quattordicesimi.

Sean O'Driscoll: "Il solo gioco di possesso/passaggio è un po' improprio. Non ho mai allenato il solo passing football; miro invece a dare ai giocatori più opzioni sulla palla, quindi cerco di allenare il processo decisionale. Non puoi essere prevedibile.
La cosa che sto cercando di allenare è che il giocatore scelga l'opzione giusta, che è ciò che fanno i giocatori migliori. Sto cercando di addestrare gli scout a chiedere "è stata la palla giusta da giocare? E' stato il passaggio giusto al momento giusto? A volte sono più preoccupato sul fatto che abbia completato o meno il passaggio. 
Non posso comprare qualcuno per un milione di sterline, ma voglio avere qualcuno che scelga quello giusto in base alle esigenze. Posso permettermi un giocatore perché è a buon mercato, ma devo sapere come posso svilupparlo" 

"La nostra ambizione è vincere la prossima partita. E oltre a questo? Vincere la prossima partita. Questa è la mia missione. La mia influenza su una squadra di calcio è implementare la cultura di vincere ogni partita. Ma in una stagione di 46 partite non vincerai tutte le partite.
Per rimanere in questa divisione ed evitare la retrocessione, devi fare certe cose. 
Per essere promosso devi fare certe cose. 
Scrivi una lista delle cose che devi fare per entrambe le situazioni e noterai che non sono diverse, tranne che per i soldi.
Sarebbero cose come organizzazione, attitudine, disciplina, quindi perché trattare le situazioni come diverse? Quando la gente dice" Sono una squadra ben organizzata ", cosa significa esattamente? 
Il 4-4-2 è rigido? La gente pensa che il 4-4-2 sia statico; in realtà non ha niente a che fare con le tattiche, è una struttura.
All'interno della struttura puoi fare tutto ciò che vuoi. Potrebbe essere il sistema più fluido al mondo.
Il problema dell'Inghilterra era che il loro 4-4-2 era rigido. Dovevano essere fluidi. Ma quando giochi contro la Spagna, hai bisogno di un fluido 4-4-2? Devi essere rigido perché loro sono migliori di noi.
Tutto ciò che posso fare è allenare una squadra con determinati valori e i giocatori opereranno all'interno di questo. Possono essere d'accordo o in disaccordo ma se non sono d'accordo devono essere logici.
Se parli con Harry Redknapp, ti dirà che l'ho fatto impazzire.
Tutte le nostre filosofie di coaching riguardano la comprensione delle tue responsabilità. 
Vogliamo che i giocatori capiscano il loro ruolo nella squadra. 
Non mi faccio illusioni di vincere tutte le partite, ma per me il modo migliore per farlo è avere una squadra flessibile, composta da giocatori che capiscono ciò che facciamo. 
E quando lo facciamo bene, siamo bravi come nessuno"
Nel successivo anno e mezzo, O'Driscoll trasformò il piccolo Doncaster in una squadra da metà classifica, malgrado uno dei budget più ristretti del campionato.
Si ricordano come colonne del club James Coppinger, Billy Sharp, Simon Gillett, James Hayter, Paul Green, Richie Wellens, Martin Woods, Adam Lockwood, etc
La squadra lottava addirittura per i primissimi posti della divisione (il Doncaster sarebbe stato il primo club dal 2003 ad approdare in Premier dopo essere passato nel giro di pochi anni da tutte e 4 le divisioni inglesi al di sotto della Premier).
Tuttavia, una serie di infortuni nella seconda metà della stagione 2010/11 vide il Doncaster vincere solo 1 delle ultime 19 partite della stagione.
Malgrado ciò la squadra riuscì a salvarsi.
Per rendere l'idea, l'infermeria era talmente piena che ad un certo punto ci fu addirittura la richiesta da parte del club di posticipare una partita contro il Norwich City perché faticavano a trovare 11 giocatori disponibili.
Tuttavia, la stagione successiva, il 23 settembre 2011 con il Doncaster che aveva conquistato un solo punto nelle prime sette partite, O'Driscoll, insieme al suo assistente Richard O 'Kelly, vennero licenziati.


ELETTO MIGLIOR MANAGER DI TUTTI I TEMPI DEL DONCASTER
In seguito O'Driscoll divenne allenatore del Nottingham Forest con Steve Cotterill, poi lasciò il club per unirsi al Crawley nell'estate del 2012.
Poi Bristol City e Walsall ma la leggenda, Sean, l'ha costruita a Doncaster.
Non a caso nel 2016 venne eletto il più grande manager di tutti i tempi del Doncaster, superando Billy Bremner, Peter Doherty e Lawrie McMenemy.
Bremner era stato votato come il più grande manager del club negli anni '80 e '90, mentre McMenemy era stato nominato miglior manager degli anni '60 e '70.
Peter Doherty invece per gli anni '30, '40 e '50.
I quattro sono poi andati al testa a testa finale con O'Driscoll che ha quasi doppiato il numero dei voti di Doherty e Bremner.


IL SOLO PASSING FOOTBALL NON E' MAI LA SOLUZIONE
Per quanto grande fosse il suo calcio, durante il periodo trascorso ai Rovers, O'Driscoll aveva qualche critico dal punto di vista del gioco. È stato spesso suggerito che non aveva un piano B.
Quel calcio fatto di continui passaggi era tutto ciò che sapeva fare, almeno all'apparenza.
Ma ovviamente passare la palla non è di per sé una tattica, è solo un mezzo per raggiungere un fine.
Più precisamente il lato negativo dell'approccio di O'Driscoll era che la squadra dei Rovers era, almeno fisicamente, decisamente leggera.
Poichè i Rovers spesso si scontravano con avversari fisici, ogni calcio d'angolo, punizione o rimessa laterale era un problema.
Ma suggerire che le squadre di O'Driscoll sono state ostacolate dal solo fatto di non avere un piano B è sbagliato perchè come detto riuscì a costruire una squadra di giocatori intelligenti e quindi non era solo il calcio ad essere fluido.
Anche il sistema lo era.
Durante una vittoria in trasferta nel novembre 2010 contro il Portsmouth, i Pompies avevano modificato il proprio assetto di gioco dopo un quarto d'ora e il Doncaster aveva dovuto adattarsi a questo nell'intervallo.
Nel momento in cui fu in grado di attuare le giuste modifiche, il Doncaster cambiò completamente modo di giocare e si portò velocemente sul 2-0.


UOMO DI POCHE PAROLE
A distanza di quasi 10 anni, a Doncaster si continua a parlare di O'Driscoll.
Non solo elogi comunque.
Infatti il proprietario Terry Bramall ad inizio 2017 non spese belle parole sull'ex tecnico irlandese per via del carattere: "Circa 8 o 9 anni fa, eravamo a casa di Dick Watson (proprietario del club morto a luglio 2017) e il nostro manager ai tempi era Sean O'Driscoll. Non disse molto. Era un uomo con cui era molto difficile parlare. Oggi mi piace incontrare Darren Ferguson (manager di oggi) perché io e lui possiamo farci due chiacchiere. C'è un elemento di rispetto in entrambe le direzioni. Non è stato lo stesso con il signor O'Driscoll perché sapeva che io non so nulla del calcio e  quindi non voleva parlare con me. La sua unica domanda per me quella sera fu 'Terry, sei pronto a finanziare il Doncaster Rovers in Premier League?'"

Dopo una sconfitta per 6-0 contro l'Ipswich, O'Driscoll si sedette in sala stampa e disse ai giornalisti: "Dai, qualcuno mi faccia una domanda stupida". 
La seconda domanda affrontata fu: "Quanto sei dispiaciuto, Sean?"  
"È una domanda stupida" rispose O'Driscoll. "Sono deluso". 
Tese le mani a un paio di metri di distanza per indicare quanto fosse deluso, poi si alzò e uscì.
L'editorialista del Daily Mail (Martin Samuel) successivamente accusò O'Driscoll di essere arrogante.
Quando i Rovers vincevano, i modi (di poche parole) nelle interviste erano considerati pragmatismo ed onestà intellettuale.
Quando hanno iniziato a perdere, Sean è diventato severo e negativo, talvolta pessimista.
Come si suol dire: tutto è relativo.

giovedì 28 dicembre 2017

La Storia Di Alan Pardew: Litigi, Risse, Testate e Risultati Sportivi

Nato a Wimbledon (Londra) nel 1961, la prima esperienza di Alan Pardew come manager fu alla guida del Reading in una sconfitta con l' Huddersfield Town il 21 marzo 1998.
Dopo la nomina di Tommy Burns come manager, rimase come allenatore della squadra di riserva fino alla fine della stagione 1998/99, poi venne nominato assistente.
Nel 2001/02 portò il Reading dalla League Two alla League One.
La prima stagione di Pardew nella divisione superiore fu impressionante, visto che il club chiuse al quarto posto, perdendo poi ai play-off contro il Wolverhampton Wanderers.


PERIODO WEST HAM E I LITIGI CON WENGER
In seguito venne adocchiato dal West Ham, anche se il Reading non gli diede il permesso di parlare per trovare un accordo, tuttavia Pardew si dimise il 10 settembre 2003, diventando manager del West Ham.
Partì una causa legale ma il Reading fu costretto a cedere.
Nel mentre la BBC lo etichetta come un manager molto difficile a livello d'interviste e pubbliche relazione per via di continue frasi avventate.
Nella prima stagione al West Ham, Pardew subì una sconfitta nella finale dei play-off di Championship contro il suo ex club da giocatore (Crystal Palace).
Nella stagione successiva viene molto criticato dai fans per qualche risultato altalenante ma alla fine il West Ham riesce ad ottenere la promozione in Premier League dopo aver sconfitto il Preston North End nella finale dei play-off.
In seguito guidò gli Hammers al nono posto nella Premier League nella stagione 2005/06, perdendo in finale di FA Cup ai calci di rigore contro il Liverpool (dopo il 3-3 dei regolamentari).
Nel marzo 2006, litigò con Arsène Wenger, dopo aver criticato l'Arsenal per non aver schierato un giocatore inglese nella vittoria in Champions League contro il Real Madrid.
Wenger suggerì che Pardew fosse xenofobico, Pardew si giustificò citando il suo matrimonio con una donna svedese.
Nel novembre 2006, litigò nuovamente con Wenger dopo aver celebrato una vittoria del West Ham contro l'Arsenal.
Tra una spinta e l'altra i due arrivarono quasi alle mani, ad essere multato fu però Wenger.
Nella stessa stagione (2006/07), Pardew venne criticato dopo che il West Ham subì la peggiore serie di sconfitte in oltre 70 anni di storia, inclusa un'uscita dalla Coppa UEFA a Palermo nel primo turno e una sconfitta a Chesterfield.
Verrà esonerato l'11 dicembre 2006, dopo una sconfitta per 4-0 in casa del Bolton Wanderers.


IL CHARLTON E LA RISSA CON L'HULL CITY
In seguito va al Charlton Athletic che si trova in una posizione di classifica disastrosa: 19esimo posto in Premier League, con soli 12 punti e una differenza reti di -20, la peggiore del campionato.
I risultati migliorarono ma Pardew ottenne la prima retrocessione in carriera come manager e come giocatore.
Quelli al The Valley sono anni comunque così così, sino alla separazione nel novembre 2008.
Viene ricordato anche per quello che successe nell'ottobre del 2007, quando Pardew scese in campo in una partita contro Hull City per tentare di interrompere una maxi rissa tra i giocatori del Charlton e dell'Hull dopo che Lloyd Sam e Ian Ashbee erano stati espulsi.
Pardew, intervenendo, fu accusato di aver peggiorato la situazione.


PERIODO SOUTHAMPTON E DICHIARAZIONI SU ESSIEN
Alan venne nominato nuovo manager del Southampton (League One) il 17 luglio 2009, a St.Mary ebbe il merito di portare giocatori del calibro di Rickie Lambert e Lee Barnard, il primo dei quali costato 1 milione di sterline.
Nonostante una penalizzazione di 10 punti in classifica, riuscì a mantenere il club a galla per la zona playoff.
Permise alla squadra anche di vincere il League Trophy battendo 4-1 il Carlisle United.
La vittoria diede al club il primo trofeo dal 1976.
Poco dopo comunque, venne licenziato per conflitti con il presidente Nicola Cortese.
Anche al Southampton si ricordano sue infelici insinuazioni su Essien del Chelsea a seguito di uno scontro con Chad Evans del Manchester City (quel giorno era ospite di Match Of The Day 2) dove per lo scontro di gioco usò la parola "rapes" (cioè violentare).


IL NEWCASTLE E IL DIFFICILE RAPPORTO CON I FANS
Il 6 dicembre 2010, l'irlandese Chris Hughton viene licenziato dal Newcastle United.
Tre giorni dopo, il club nominò Pardew come nuovo manager del club con un contratto di cinque anni e mezzo.
Sky Sports riportò che di 40.000 fan che presero parte a un sondaggio su chi sarebbe dovuto diventare il futuro manager, Pardew ricevette il sostegno del solo 5,5% dei votanti.

Pardew ha dichiarato: "Non sono uno Geordie, naturalmente, ma sono una persona di calcio con un amore per il gioco e posso assicurarvi che porterò grande spinta, desiderio e impegno. 
Chris Hughton ha fatto un ottimo lavoro stagione, guidando il club in Premier League, e ha continuato questo buon lavoro in questa stagione, il mio obiettivo è quello di costruire su questo e portare avanti il club. Mi dicono 'devi essere pazzo di andarci', è una prospettiva scoraggiante ma qualcosa che non posso rifiutare"

Nella sua prima partita in carica, Pardew portò il Newcastle a vincere per 3-1 sul Liverpool con gol di Kevin Nolan, Joey Barton e Andy Carroll.
Poi rifilò un 5-0 al West Ham.
Il mese seguente, Pardew guidò i Magpies in uno dei momenti più memorabili della loro storia recente, quando il Newcastle pareggiò 4-4 contro l' Arsenal in una partita assolutamente pazzesca giocata nel febbraio 2011.
Il Newcastle perdeva 4-0 all'intervallo.
Il 7 maggio 2011, con una vittoria per 2-1 sul Birmingham, portò il club a metà classifica.
Questo risultato fu seguito da un pareggio per 2-2 al Chelsea e un 3-3 contro il West Bromwich Albion che lasciò il Newcastle fuori dalle prime 12 della classifica.
All'inizio della stagione 2011/12, Pardew portò il Newcastle al loro miglior inizio in Premier League degli ultimi 17 anni, con una striscia imbattuta di 11 partite in tutte le competizioni.
Due giorni prima dell'ultima partita della stagione, Pardew vinse il premio di "Premier League Manager Of The Season", diventando il primo manager del Newcastle a raggiungere questo traguardo. Del resto aveva riportato, dopo anni, il Newcastle in Europa.
Vinse anche il premio di "Manager Of The Year" (della FA), che lo ha reso il primo ed unico manager inglese a vincere i due premi individuali in una singola stagione di Premier League.
L'anno successivo raggiunge i quarti di finale in Europa League dopo otto anni, sconfiggendo 1-0 in aggregate i russi dell' Anzhi Makhachkala (verranno poi eliminati proprio ai quarti dal Benfica, poi finalista).
Sempre nel 2012/13 si ricorda nella partita d'esordio stagionale contro il Tottenham Hotspur, Pardew che diede una spinta all'arbitro per cercare di accelerare la ripresa del gioco (la palla sembrava andare oltre la linea di fondo, ma l'arbitro ha ritenuto che fosse ancora in gioco).
Il 6 dicembre 2013, Pardew vince il premio di "Manager del mese di novembre" della Premier League , dopo aver guidato il Newcastle a quattro vittorie su quattro.
Riuscì a battere anche il Manchester United 0-1 il 7 dicembre 2013, dopo più di 40 anni dall'ultimo successo.
Comunque seguì un crollo totale nelle rimanenti partite della stagione: 15 sconfitte in 21 partite ufficiali.
Il malcontento dei fan si fece per la prima volta sentire, quando Pardew (e il proprietario del club Ashley) ricevettero insulti pesantissimi (nonostante una vittoria per 3-0 sul Cardiff City).

Il giornale Chronicle commentò: "Questo è stato probabilmente il peggior abuso personale che un allenatore del Newcastle abbia dovuto affrontare in qualsiasi partita: è stato un pomeriggio straziante per tutti gli interessati"

Nel gennaio 2014, durante una partita di Premier League contro il Manchester City, Pardew insultò Manuel Pellegrini manager del Manchester City.
Pellegrini inizialmente affrontò Pardew sulla linea che delimita il terreno di gioco accusando Pardew di contestare frivolamente ogni decisione dell'arbitro e di ingannare illecitamente la terna anche quando era una decisione ovvia a favore del City.
Dopo la prima scaramuccia, Pardew venne incastrato dalle telecamere di Sky Sports dopo averlo etichettato come "una fottuta vecchia femminuccia".
Il 1° febbraio 2014 a St.James’s Park si gioca il Tyne-Wear Derby (l’anno precedente si era concluso con un secco 0-3 a favore del Sunderland, cosa che non accadeva dal 2000, con l’incontenibile esultanza di Paolo Di Canio), Pardew venne chiamato a riscattare una stagione incolore ma venne sconfitto con il medesimo punteggio dell’anno precedente.
La contestazione esplode.
Al 90′ un tifoso entra il campo per riconsegnare l’abbonamento al tecnico.
Nel marzo 2014, Pardew venne espulso dopo aver colpito con una testata il giocatore dell' Hull City David Meyler.
La palla andò fuori dal terreno di gioco vicino a Pardew e Meyler lo superò rapidamente per riprendere il gioco, a quel punto Pardew colpì Meyler.
Sebbene Pardew si sia scusato per le sue azioni, venne multato per £ 100.000 dal Newcastle United e gli venne inflitto un avvertimento formale.
L'11 marzo, la FA squalificò Pardew per sette partite.
Venne multato anche di £ 60.000 dalla FA.
Nel settembre 2014, con il club in fondo alla Premier League, alcuni fan crearono un sito web, Sackpardew.com, per istigare il suo licenziamento.
Vennero pianificate anche proteste prima di una partita contro Hull City, che comprendeva la stampa di 30.000 fogli A4 che chiedevano il suo licenziamento: "Sack Pardew", "Pardew Out", "Pardew is a muppet".
Poi sondaggi, altri insulti, critiche (anche nei riguardi del presidente Ashley).
Pardew: "Soffrano d'isteria di massa, sino a prova contraria, sono ancora io l'allenatore"

La contestazione è un vero successo per dimensioni ed eco e prosegue anche nelle due successive trasferte contro Stoke e Swansea.
Nel novembre 2014, malgrado ciò, Pardew guidò il Newcastle a sei vittorie consecutive in tutte le competizioni (seconda volta dopo il suo incarico come manager del club).
Prima della sfida con la capolista Chelsea, l’emittente FoxSport trasmise un documentario di 15 minuti azzardando, nonostante non si era ancora a metà stagione, un paragone tra il Chelsea di Mourinho e l’Arsenal degli Invincibili che nel 2004 vinse una Premier senza perdere una partita.
Molti degli addetti ai lavori erano convinti che Mourinho potesse emulare l’Arsenal.
Molti ma non Pardew.
Alla vigilia del match contro i Blues, dichiarò: "è una squadra molto forte, il miglior Chelsea che abbia mai visto, ma non penso che resterà imbattuto. Lo sa anche Mourinho"
Il 6 dicembre 2014, la squadra di Pardew chiuse appunto l'imbattibilità del Chelsea in tutte le competizioni, quando il Newcastle riuscì a batterli per 2-1 a St James Park (issandosi al sesto posto in classifica).
Anche qui viene eletto Manager del mese di novembre 2014 ma continuano gli abusi e le proteste dei fans.
Nelle ultime 9 partite però il Newcastle totalizzò: 7 vittorie, 1 pareggio ed 1 sconfitta.
Media punti da titolo.
Il 29 dicembre 2014, dopo il licenziamento di Neil Warnock, a Pardew viene concesso il permesso di parlare con Crystal Palace con un risarcimento concordato.
Il giorno dopo, John Carver assunse le funzioni manageriali della prima squadra, con Pardew assente e in prossimità di trasferirsi a Londra.
Malgrado ciò le polemiche non si placano.
Infatti, così come l’ex tecnico fu bersaglio di critiche per mesi e mesi alla guida della squadra, in seguito come nuovo obiettivo venne scelto proprio il presidente Mike Ashley.
Infatti, i tifosi volevano che mettesse in vendita il club.
Fra i motivi principali, la faccenda che vedeva Ashley essere proprietario del club del nord d’Inghilterra, e di una % dei Glasgow Rangers, squadra scozzese.
Secondo le regole della UEFA, in questo modo le due squadre rischiavano di non poter prender parte a competizioni di ambito europeo.
Così come si stavano muovendo in Scozia, allo stesso modo i supporters bianconeri (tra tutti il gruppo Newcastle United Supporters Trust) avevano iniziato a protestare in modo sempre più veemente.
Tornando al calcio giocato, Pardew lasciò la squadra a pochi punti dall'Europa League, Carver inaugurerà invece una lunga serie di sconfitte che porteranno il Newcastle quasi in fondo alla classifica.
Riusciranno a salvarsi solo all'ultima giornata, battendo 2-0 il West Ham.


LA SUA SQUADRA: IL CRYSTAL PALACE
Il 3 gennaio 2015, Pardew venne quindi nominato manager del Crystal Palace(ex leggenda del club avendoci giocato negli anni 80 e 90), firmando un contratto di tre anni e mezzo. Due giorni dopo, nella sua prima partita in carica, il Palace vinse per 4-0 contro il Dover Athletic nel terzo turno di FA Cup.
La sua prima partita di campionato in carica fu una vittoria casalinga per 2-1 contro il Tottenham Hotspur.
Il Crystal Palace, dato per spacciato praticamente da tutti e lasciato da Warnock in piena zona retrocessione (terz'ultimo), rinvigorì sotto Pardew con due vittorie consecutive, tra cui una vittoria per 3-2 sul Southampton (quarto turno di FA Cup).
Poi le vittorie consecutive in trasferta divennero addirittura 4 (record del club).
Nel mentre, Alan, trova il tempo ancora di litigare con Pellegrini del Manchester City.
A fine stagione comunque, Pardew guidò il Crystal Palace al loro miglior piazzamento di sempre in Premier League (decima posizione, per 10 vittorie in 18 partite).
La stagione 2015/16 iniziò bene per Pardew: le vittorie su squadre come Chelsea, Aston Villa e Liverpool fecero si che si parlasse addirittura di un possibile spot per la qualificazione in Europa League.
A dicembre il Newcastle, suo ex club nemico, venne umiliato 5-1 a Selhurst Park.
Dopo 19 partite, a metà stagione, il Palace era al quinto posto in Premier League.
Tuttavia, questo obiettivo alla fine non sarebbe stato raggiunto, dal momento che il Palace iniziò male il 2016.
Arrivò una lunga striscia senza vittorie di 14 partite, poi arrestata con una vittoria per 1-0 sul Norwich.
Finirono quindicesimi a fine stagione.
Probabilmente fu la FA Cup a distrarre Pardew e i suoi, visto che il Palace raggiunse la finale dopo una vittoria per 2-1 sul Watford grazie ai gol di Yannick Bolasie e Connor Wickham.
Successivamente però persero la finale di coppa 2-1 contro il Manchester United.
Dopo un inizio negativo nella stagione 2016/17 e risultati mediocri nell'anno solare 2016, Pardew venne licenziato il 22 dicembre 2016; il Palace aveva vinto solo 6 partite su 36 giocate nel 2016.
Steve Parish presidente del Palace dichiarò che "lo stile di bel gioco di Pardew non ha più funzionato".


E IL NEWCASTLE?
A posteriori si può tranquillamente dire che le disgrazie sportive del suo vecchio Newcastle non si sono dimostrate sue, in quanto dai risultati del 2015 e del 2016 si percepisce come a Newcastle i problemi ci siano stati e siano andati ben oltre le colpe del manager.
Pardew qualche anno prima aveva conquistato un ottimo quinto posto con i Magpies, poi immediatamente scordato dall'ambiente.
Inoltre dal 2010 lasciò la squadra con una plus-valenza di +35 milioni, perdendo anno dopo anno i migliori giocatori: Carroll, Nolan, Cabaye, Demba Ba, Debuchy, Forster, Ben Arfa, Remy, Mbiwa, L.Enrique.
Alan, come detto, andato al Crystal Palace ad inizio 2015 lo salvò portandolo dal terz'ultimo posto al decimo.
Durante quella metà stagione, il Palace sotto Neil Warnock, aveva colto appena 3 vittorie nelle prime 20 partite giocate, accumulando solo 17 punti.
Andato a Londra, le fortune dei due club hanno subito una netta inversione di tendenza.
Nelle 15 partite giocate dal Newcastle sino ai primi di maggio 2015, John Carver raccolse solo 9 punti, invece il Crystal Palace totalizzò 25 punti nelle 14 partite sotto Pardew.
In quel momento solo quattro squadre (Arsenal, Chelsea, Liverpool, Manchester United) avevano fatto meglio degli uomini di Pardew.
Come si vede nelle classifiche di sotto, il Newcastle lasciato da Pardew quasi in zona Europa League (a 5 punti dal Tottenham), nello stesso anno (2015), poi si salvò solo all'ultima giornata.
L'anno successivo Pardew chiuse quindicesimo con il Palace (raggiungendo anche una finale di FA Cup), invece il Newcastle (dopo aver speso oltre 110 milioni di euro tra mercato estivo ed invernale) retrocesse mestamente in Championship con il duo McClaren-Benitez.



WEST BROMWICH
Il 29 novembre 2017, Pardew viene nominato nuovo allenatore del West Bromwich Albion, in sostituzione del licenziato Tony Pulis, firmando un contratto che durerà fino alla fine della stagione 2019/20.


T'interessano altri articoli su storie sportive(doping, scandali, suicidi, partite vendute, etc) e scommesse?
Qui trovi l'indice completo ed aggiornato del blog:  Indice Storie Sportive(Doping, Suicidi, Partite Vendute, Stake, etc)

martedì 26 dicembre 2017

Le Più Grandi Rivalità Degli Sport Americani (MLB, NFL, NBA, NHL ed NCAA)

In quest'articolo vedremo le principali rivalità (storiche e non) nei quattro sport americani per antonomasia: MLB, NFL, NBA e NHL.
Particolare occhio di riguardo anche per college quindi NCAA.


BASEBALL MLB
Boston Red Sox v New York Yankees
Boston Red Sox v Tampa Bay Rays
Texas Rangers v Houston Astros
Los Angels Angels Of Anaheim v Texas Rangers
New York Mets v Philadelphia Phillies
New York Mets v Atlanta Braves
Chicago Cubs v St.Louis Cardinals
Chicago Cubs v Milwaukee Brewers
Chicago Cubs v Chicago White Sox
Baltimore Orioles v Washington Nationals
Cincinnati Reds v Cleveland Indians
Kansas City Royals v St.Louis Cardinals
Los Angels Angels Of Anaheim v Los Angeles Dodgers
New York Yankees v New York Mets
Oakland Athletics v San Francisco Giants
Miami Marlins v Tampa Bay Rays
San Francisco Giants v Los Angeles Dodgers
Cincinnati Reds v Los Angeles Dodgers
New York Yankees v Los Angeles Dodgers
Philadelphia Phillies v Pittsburgh Pirates
Philadelphia Phillies v Oakland Athletics
Brooklyn Dodgers v New York Giants
Toronto Blues Jays v Montreal Expos


BASEBALL COLLEGE
Mississippi State v LSU
Auburn v Tennessee
Florida v Florida State
Miami v Florida State
USC v Clemson


FOOTBALL NFL
Green Bay Packers v Chicago Bears
San Francisco 49ers v Dallas Cowboys
San Francisco 49ers v Seattle Seahawks
New York Giants v Philadelphia Eagles
Pittsburgh Steelers v Baltimore Ravens
Baltimore Ravens v New England Patriots
Indianapolis Colts v New England Patriots
New England Patriots v New York Jets
Carolina Panthers v New Orleans Saints
Tennessee Titans v Houston Texans
Washington Redskins v Philadelphia Eagles
Washington Redskins v Dallas Cowboys


FOOTBALL NCAA
Ohio State v Michigan
Clemson v Florida State
Alabama v Auburn
Oklahoma v Oklahoma State
Oklahoma v Texas
Wiscosin v Minnesota
Iowa v Minnesota
USC v Notredame
Stanford v California
Oregon Ducks v Oregon State


BASKET NBA
Los Angeles Lakers v Boston Celtics
Philadelphia 76ers v Boston Celtics
Miami Heat v Chicago Bulls
New York Knicks v Indiana Pacers
New York Knicks v New Jersey Nets
New York Knicks v Chicago Bulls
Orlando Pacers v Detroit Pistons
Detroit Pistons v Boston Celtics
Detroit Pistons v Chicago Bulls
Golden State Warriors v Los Angeles Clippers
Sacramento Kings v Los Angeles Lakers
Phoenix Suns v Los Angeles Lakers
Los Angeles Lakers v San Antonio Spurs
San Antonio Spurs v Dallas Mavericks


BASKET NCAA
UConn v Syracuse
Stanford v Cal
Iowa v Iowa State
Illinois v Missouri
Kansas v Missouri
Villanova v La Salle
Indiana v Kentucky
Michigan v Michigan State
Duke v Maryland
Michigan v Ohio State
Syracuse v Georgetown
Kentucky v Florida
Indiana v Purdue
Georgetown v Villanova
UCLA v Arizona
Louisville v Kentucky
Duke v North Caroline
Kansas v Kansas State


HOCKEY NHL
Ottawa Senators v Toronto Maple Leafs
Boston Bruins v Buffalo Sabres
Boston Bruins v Montreal Canadiens
Detroit Red Wings v Toronto Maple Leafs
Detroit Red Wings v Anaheim Ducks
Detroit Red Wings v Colorado Avalanche
Detroit Red Wings v St.Louis Blues
Montreal Canadiens v Ottawa Senators
New Jersey Devils v New York Rangers
New Jersey Devils v Philadelphia Flyers
New York Islanders v New York Rangers
Pittsburgh Penguins v Columbus Blue Jackets
Boston Bruins v New York Rangers
Detroit Red Wings v Pittsburgh Penguins
Chicago Blackhawks v Nashville Predators
Chicago Blackhawks v St.Louis Blues
Chicago Blackhawks v Los Angeles Kings
Chicago Blackhawks v Detroit Red Wings
Chicago Blackhawks v Minnesota North Stars
Anaheim Ducks v San Jose Sharks
Edmonton Oilers v Calgary Flames
Edmonton Oilers v Los Angeles Kings
Edmonton Oilers v Winnipeg Jets
Calgary Flames v Winnipeg Jets
San Josè Sharks v Los Angeles Kings
Anaheim v Los Angeles Kings
Vancouver Canucks v Calgary Flames


HOCKEY COLLEGE
Boston College v Boston University
Alaska-Anchorage v Alaska-Fairbanks
Michigan Tech v Northern Michigan
Clarkson v St.Lawrence
Maine v New Hampshire
Minnesota v North Dakota
Cornell v Harvard
Colorado College v Denver
Michigan v Michigan State
Minnesota v Wisconsin


T'interessano altri articoli su storie sportive(doping, scandali, suicidi, partite vendute, etc) e scommesse?
Qui trovi l'indice completo ed aggiornato del blog:  Indice Storie Sportive(Doping, Suicidi, Partite Vendute, Stake, etc)

sabato 23 dicembre 2017

Tutte Le Sfide Tra Pugili, Lottatori ed UFC

Muhammad Ali: "Non voglio truffare la Boxe, sarà tutto vero"

Dopo il recente confronto misto tra Floyd Mayweather e Conor McGregor, (vinto dal pugile), facciamo un piccolo passo indietro su tutte le sfide che hanno visto implicati pugili e lottatori.
Il primo match è datato 1976 quando Muhammad Ali si scontra contro il wrestler Antonio Inoki.
Il fatto di miscelar fighter di discipline diverse, seppur disprezzato dai media, fece invece impazzire i fan.
Gli appassionati volevano vedere uno sport di combattimento che non fosse ristretto a degli stili singoli, e sia a Tokyo, che a New York, si registrò il tutto esaurito.
Ci sarebbero voluti altri 30 anni per avere degli sport da combattimento ibridi “reali”, ma con questo giorno match iniziò la storia delle MMA.
Ali ai tempi godeva di una fama internazionale così ampia che ciò gli permise anche di partecipare al primo WrestleMania, dove la sua figura di reale fighter, si miscelò con quelli che sono di fatto anch’esse delle “superstar”.
Ali combattè uno dei primi match di MMA della storia contro il già citato Antonio Inoki, wrestler storico che combatteva da Shooter e che combattè contro Pugili, Judoka, Karateka, esperti di kung fu, e lottatori di sumo.
Praticamente anticipò di non poco quelle che sarebbero diventate le MMA tantissimi anni dopo.
Questi match ovviamente erano truccati ed erano fatti unicamente per dare spettacolo.
L’idea di far affrontare fighters con background totalmente diversi all’epoca era una follia.
Il match fu abbastanza noioso, e qualunque fan reale degli sport da combattimento sarebbe volentieri andato contro quella farsa di combattimento al Tokyo’s Budokan Hall.
Già a partire dalla regole, tutto era strano.
15 round lentissimi e noiosi, nei quale Inoki tirò qualche Low Kick, mentre Ali andò a segno con solo 1 pugno.
Tutti persero tempo a parlare di quanto il match avesse fatto realmente schifo, ma pochi si concentrarono su come quel match, col suo impatto, aveva fatto aumentare la popolarità dello Shoot Wrestling, sia in USA che in Giappone.
Prima del match, Ali, come era solito fare, creò Hype insultando un po’ Inoki definendolo “un pellicano” per via del suo largo mento, disse poi che se non aveva paura di camminare per Harlem, non avrebbe certo avuto paura di Inoki, il quale rispose che gli avrebbe fatto rimangiare le sue parole.
Si parlò delle regole, e fra queste vi era la mancanza di suplex, testate, colpi a mano aperta e colpi sopra la cintura, regole ovviamente ben diverse da quelle della MMA attuali.
La cosa pazzesca è che le regole sarebbero state differenti fra i due.
Ali doveva combattere da pugile, ma avrebbe avuto la possibilità di colpire in GnP.
Mentre il wrestler poteva grapplare e wrestlare come voleva, ma senza colpire a terra.
Il match consistette in Inoki seduto a terra la maggior parte del tempo, a colpire Ali con del calci alle gambe invitandolo a scendere per grapplare, mentre Ali saltellava girandogli intorno facendo trash talking per invitarlo ad alzarsi.
Entrambi si rifiutarono di fare ciò che diceva l’altro.
Quindi si girarono intorno per 15 round; furono quindi 45 minuti di presunto match che includevano insulti, calcetti, discussioni ma nessuna reale azione fisica o tecnica.
Il match finì in pareggio e i fan lanciarono spazzatura nel ring, mentre quelli a New York si limitarono ad andarsene delusi.
I media descrissero il tutto come una farsa, ed alcuni schernirono anche Ali invitandolo ad un match contro il noto cestista Wilt Chamberlain e contro la tennista Billie Jean King.

Oltre ai match di Wrestling, uno dei match tenutosi dal vivo a New York fu anche quello fra il pugile Chuck Wepner e il gigantesco wrestler Andre The Giant.
Wepner, che in carriera affronterà anche Ali stesso, prendendo delle mazzate terrificanti ma andando KO solo al 15° round, ispirò la figura di Rocky Balboa, anch’esso capace di prendere tantissimi colpi senza mai arrendersi.
Wepner 1.96 di altezza, subito in difficoltà al cospetto di Andre (accredito di un 2.24 m di altezza per 210 kg).
Match senza storia visto che Wepner non riuscì praticamente mai a portare a segno i suoi jab e fu demolito da una testata e sbattuto fuori dal ring nel terzo round.
Andre The Giant: "Avrei potuto vincere al primo round ma si aggrappava alle corde"


ULTIMATE FIGHTING CHAMPIONSHIP
Nel 1993 invece, da un’idea di Rorion Gracie, 8 atleti di 8 discipline diverse diedero vita al primo torneo dell’Ultimate Fighting Championship negli USA.
Lo scopo dell’iniziativa era quello di scoprire quale tra le diverse arti marziali e sport da combattimento avrebbe vinto in un torneo di combattimenti senza regole.
Ai tempi in molti ritenevano che il miglior atleta della famiglia Gracie fosse Rickson, ma Rorion decise di far scendere in campo Royce Gracie (183 cm per meno di 80 kg), una sua vittoria avrebbe consentito di generare maggiori consensi verso il Brazilian Jiu Jitsu presso il pubblico.
Royce riuscì a non deludere le aspettative dei famigliari impostando gli incontri nella misura di combattimento a lui più congeniale, vale a dire portando gli avversari al suolo nel più breve tempo possibile imponendo così il suo stile di lotta a terra fatto di leve, strangolamenti e sottomissioni.
Royce vinse così il primo torneo UFC sottomettendo il pugile Art Jimmerson (29 vittorie e 5 sconfitte sul ring), lo shootfighter veterano del Pancrase Ken Shamrock e in finale il campione del mondo di Savate Gerard Gordeau.
Royce Gracie e il Brazilian Jiu Jitsu avevano così mostrato al mondo intero le proprie potenzialità in un combattimento reale.
La musica non cambiò nel secondo UFC disputatosi circa un anno dopo, Royce sottomise nell’ordine il Karateka Minoki Ichihara, l’esponente del Kung Fu Jason Delucia, il Judoka Remco Pardoel e in finale il Kickboxer Patrick Smith ribadendo ancora una volta la propria superiorità in questo tipo di match senza regole.
Nella terza edizione dell’Ultimate Fighting Championship Royce si trovò davanti Kimo Leopoldo. Kimo, 190 cm per 110 kg circa, mise in seria difficoltà il brasiliano che riuscì comunque a vincere ma si ritirò dal torneo perchè non aveva più energie.
Royce nell’ UFC 4 battè Ron van Clief, Keith “The Giant Killer” Hackney e nella finale del torneo trovò ad attenderlo Dan Severn.
Severn, un fortissimo lottatore ben 30 kg più pesante di Royce, non potè nulla contro la tecnica di Royce a terra che anche questa volta vinse il match per sottomissione (triangolo).
Royce ritornò a combattere 5 anni dopo in occasione del Pride – Grand Prix 2000.
Dopo aver vinto il match contro Nobuhiko Takada, Royce venne sconfitto dai low kicks di Kazushi Sakuraba.
Tre anni dopo la sconfitta, Royce ritornò al Pride affrontando la medaglia d’oro olimpica di Judo Hidehiko Yoshida in un match di MMA con regole limitate; in quell’incontro l’arbitro interruppe il match mentre Yoshida stava effettuando uno strangolamento, ma Royce si rialzò subito affermando di non avere perso i sensi.
Successivamente Royce affrontò l’ex campione di Sumo Chad “Akebono” Rowan, vincendo per sottomissione nel primo Round, e il giapponese Hideo Tokoro, con il quale diede vita ad un altro match di MMA sulle basi della rivalità Judo v BJJ che terminò con un pareggio.
Nel 2006 si assistette al ritorno di Royce Gracie all’UFC dopo un’ assenza lunga più di 10 anni.
L’avversario di Royce sarebbe stato il fortissimo campione dei pesi Welter Matt Hughes.
All’UFC, Hughes dominò il dominatore delle prime edizioni vincendo per KO tecnico nella prima ripresa, dimostrando ancora una volta quanto le MMA si fossero evolute negli ultimi tempi.
Nel 2007, Royce affrontò Sakuraba 7 anni dopo il loro primo scontro.
Dopo un match tutt’altro che esaltante i giudici assegnarono a Royce la vittoria per decisione unanime.
A seguito di questo incontro Royce fu però trovato positivo al Nandrolone e squalificato dalle competizioni sportive fino al maggio 2008.


PUGILI CONTRO LOTTATORI
Nel 2002 Eric Esch (91 match di Boxe con sole 10 sconfitte) perse onorevolmente ai punti contro Larry Holmes.
Ray Mercer, ex campione dei massimi ai giochi di Seul e ai tempi 48enne, sconfisse con un destro terrificante (in appena 9 secondi) Tim Sylvia (campione UFC).
Nel 2010 il pugile James Toney (campione IBF) non riuscì praticamente mai a colpire Randy Couture.
Scaraventato a terra, fu sconfitto in meno di 5 minuti.
Ricardo Mayorga, campione dei welter e dei superwelter tra il 2001 e il 2005, ha disputato tre match in MMA perdendoli tutti e tornando quindi al pugilato.


PUGILI CONTRO WRESTLERS
Si ricorda poi nel 2007 il match farsa tra Evander Holyfield contro il wrestler Matt Hardy.
Holyfield riempì di pugni il rivale.
E la faida dell'anno successivo tra Floyd Mayweather e Big Show con il pugile che ruppe il naso a Big Show (anche qui tutto prestabilito ma rottura del naso reale) e poi la sfida a Wrestlemania con Floyd uscito vincitore grazie ad alcune sediate e all'uso di un tirapugni.


T'interessano altri articoli su storie sportive(doping, scandali, suicidi, partite vendute, etc) e scommesse?
Qui trovi l'indice completo ed aggiornato del blog:  Indice Storie Sportive(Doping, Suicidi, Partite Vendute, Stake, etc)